FAQ

Le risposte alle domande più frequenti

1. Posso scegliere liberamente il paese di destinazione o ci sono dei vincoli?

Sì, si può scegliere il paese di destinazione purché all’interno dei paesi europei selezionati per il Programma GO+LEARN FVG ovvero:
– tirocini in azienda: Spagna; Francia; Belgio; UK; Germania; Austria; Slovenia;
– corsi di lingua: Portogallo; Spagna; Francia; Belgio; UK; Germania; Austria.

I vincoli possono essere esclusivamente di tipo organizzativo ed in particolare in merito alla disponibilità di un ente ospitante (istituzione/azienda/studio professionale o scuola di lingue) che risponda in pieno alle aspettative del progetto individuale di mobilità formativa.

2. Posso scegliere il periodo in cui fare la mia esperienza formativa all’estero oppure devo seguire una tempistica standard una volta presentata la domanda di partecipazione?

Si può presentare domanda di partecipazione indicando il periodo preferito di avvio del progetto individuale di mobilità formativa (tirocinio; corso di lingua). Tuttavia, occorre restare all’interno della finestra di validità dell’avviso attivo. Ulteriori vincoli possono essere specificati all’interno dell’avviso di riferimento.

3. Successivamente all’invio della domanda di partecipazione on-line, posso cambiare idea e rinunciare al servizio? Se sì, entro quali termini e a che condizioni?

Prima di presentare formale domanda on line, in caso di necessità di approfondimenti per una definitiva valutazione del proprio interesse, si consiglia di contattare l’ENAIP FVG tramite il form “Richiesta informazioni” presente nelle singole pagine dei bandi. I nostri operatori vi contatteranno per valutare un’eventuale incontro preliminare di valutazione. In ogni caso, è possibile ritirare la propria candidatura prima della sottoscrizione del Patto di servizio, con la possibilità di ripresentarla ma solo a valere sugli avvisi successivi.

4. Posso organizzare e realizzare l’esperienza formativa all’estero insieme ad altri?

Nei limiti delle possibilità organizzative (a titolo di esempio: disponibilità della scuola di lingua nello stesso periodo; disponibilità dell’azienda ad accogliere contemporaneamente più tirocinanti; ecc.) è possibile realizzare l’esperienza di mobilità formativa insieme ad altri interessati allo stesso percorso.

5. Posso chiedere l’attivazione di più di uno dei diversi servizi (es. corso di lingua + tirocinio; corso di lingua + master) nel corso dello stesso anno o nell’ambito del periodo complessivo di vita del progetto?

Sì, è possibile. Si incentiva in particolare la combinazione tra corso di lingua e successivamente tirocinio o master, in modo da preparare la persona dal punto di vista linguistico a realizzare al meglio l’esperienza formativa (tirocinio o master) nel paese di destinazione.

6. Posso richiedere di usufruire più volte dello stesso servizio (es. la partecipazione a due o più corsi di lingua) durante lo stesso anno o nell’ambito del periodo complessivo di vita del progetto? Se sì entro quali limiti?

Sì, è possibile ma non nel corso dello stesso anno e non nella stessa impresa in caso di tirocini.

7. Gli studenti rientrano nelle categorie di disoccupato o inoccupato?

Solo se dimostrano di essere iscritti al Centro per l’impiego come inoccupato in cerca di prima occupazione o disoccupato. In ogni caso, lo studente non può accedere alla linea di attività “tirocini all’estero” dovendo utilizzare i programmi specifici gestiti dalle rispettive istituzioni di istruzione e formazione (es. progetto Erasmus per gli studenti universitari).

8. Come dimostro di possedere almeno il livello A2 (Common European Framework of Reference for Language Learning and Teaching) della lingua parlata nell’impresa ospitante per il tirocinio o al corso di lingua?

Questo requisito di ammissibilità può essere dimostrato nelle seguenti due modalità:
– certificazione del livello di conoscenza della lingua rilasciata da organismo riconosciuto come ente certificatore;
– test di lingua presso un centro dell’ENAIP FVG, da effettuare successivamente alla presentazione di formale domanda on line di partecipazione al programma.

9. Durante la mia permanenza all’estero (per corso di lingua, tirocinio, master) posso svolgere un lavoro part time e occasionale nel tempo libero per sostenere i costi extra di permanenza?

Sì, purché non incompatibile con il regolare svolgimento dell’esperienza di mobilità formativa, così come definita e formalizzata tramite il “Patto di servizio”, sottoscritto con ENAIP FVG, e tramite “Accordo di apprendimento”, sottoscritto con l’organizzazione ospitante (tirocinio, corso di lingua).

Tirocini

LINEA 1

1. Posso proporre e/o scegliere l’impresa presso cui svolgere il tirocinio?

Sì, in questo caso il nostro partner in loco verificherà la disponibilità dell’impresa suggerita dal partecipante. Si incentiva la ricerca dell’organizzazione ospitante da parte del partecipante durante la permanenza nel paese di destinazione per la frequentazione al corso di lingua.

2. C’è un elenco di imprese disponibili e suddivise per paese di destinazione all’interno delle quali poter scegliere dove svolgere il tirocinio?

Attualmente non è previsto un elenco delle imprese/istituzioni/studi professionali iscritti all’albo.

3. Posso svolgere il tirocinio presso istituzioni pubbliche?

Sì, è possibile, a condizione che l’istituzione pubblica sia disponibile e possa accogliere, nel rispetto della legislazione locali di settore, un tirocinante secondo le specifiche definite dal Programma GO+LEARN FVG.

4. Posso svolgere il tirocinio presso studi di liberi professionisti (es. studio di architetti)?

Sì, è possibile, a condizione che lo studio di liberi professionisti sia disponibile e possa accogliere, nel rispetto della legislazione locali di settore, un tirocinante secondo le specifiche definite dal Programma GO+LEARN FVG.

5. La lingua del tirocinio può essere diversa da quella parlata nel paese di destinazione?

Sì, la lingua può essere diversa. In questo caso, il requisito della conoscenza della lingua pari al livello A2 riguarda la lingua parlata nel tirocinio e non quella parlata nel paese di destinazione.

6. Il tirocinante ha diritto di ricevere una qualche forma di remunerazione da parte dell’impresa ospitante?

Per quanto riguarda il programma GO+LEARN FVG, trattandosi di un tirocinio formativo e non di un’esperienza di lavoro, l’organizzazione ospitante non è tenuta a riconoscere alcuna forma di remunerazione. Tuttavia tale organizzazione deve rispettare quanto stabilito dalla legislazione di settore del paese di destinazione.

7. Durante la mia permanenza all’estero sarò seguito ed aiutato da qualcuno che risiede sul posto?

Sì, il programma GO+LEARN FVG ha preventivamente selezionato una serie di soggetti pubblici e privati che hanno il compito di sostenere la realizzazione del tirocinio, dalla ricerca dell’organizzazione ospitante alla verifica dell’andamento complessivo del tirocinio. Tali soggetti, inoltre, aiuteranno il tirocinante nella fase di arrivo e sistemazione alloggiativa nel paese di destinazione.

8. Il tirocinante può sospendere e/o interrompere il tirocinio in qualsiasi momento? Se sì a quali condizioni?

Il tirocinio può essere interrotto solo per giusta causa, ovvero in caso di comprovata malattia o di avvenuto inserimento lavorativo. Tutte le condizioni e le conseguenze di una eventuale sospensione o interruzione del tirocinio sono regolamentate tramite “Patto di servizio”, che viene sottoscritto dal partecipante con ENAIP FVG prima della partenza verso il paese di destinazione.

9. I contributi sono soggetti a parziale riduzione in base alla situazione economica famigliare (certificato ISEE) del partecipante? Se sì, in che modo?

No, nel caso dei “Tirocini all’estero” l’indennità mensile forfettaria viene riconosciuta a tutti nella stessa entità, che dipende dal paese di destinazione e dal periodo di permanenza nello stesso, secondo la tabella riportata sotto.

 

4 MESI 5 MESI 6 MESI
TOTALE MESE TOTALE MESE TOTALE MESE
AUSTRIA 4.082,00 1.020,50 4.732,00 946,40 5.382,00 897,00
BELGIO 3.719,00 929,75 4.305,00 861,00 4.890,00 815,00
GERMANIA 3.749,00 937,25 4.344,00 868,80 4.939,00 823,17
SPAGNA 3.894,00 973,50 4.514,00 902,80 5.133,00 855,50
FRANCIA 4.451,00 1.112,75 5.162,00 1.032,40 5.873,00 978,83
REGNO UNITO
4.950,00 1.237,50 5.737,00 1.147,40 6.525,00 1.087,50
SLOVENIA 3.465,00 866,25 4011,00 502,20 4.556,00 759,33

Corsi di lingua

LINEA 2

1. Nell’ambito del paese di destinazione, posso sceglie la scuola di lingue in cui fare il corso e, in caso di più sedi, la città in cui farlo?

Sì, ma solo se c’è la disponibilità in tal senso da parte della scuola di lingue.

2. C’è un elenco delle scuole e delle relative sedi operative disponibili suddivise per paese di destinazione?

Un primo elenco delle scuole di lingua preventivamente selezionate è pubblicato qui. Entro il mese di ottobre 2018 saranno indicate anche le rispettive sedi operative disponibili. Tale elenco potrà essere modificato o integrato nel corso della realizzazione del programma.

3. Vengo aiutato nell’organizzazione del viaggio di andata/ritorno?

EnAIP FVG ti sostiene nell’organizzazione del viaggio e il programma ti riconosce una somma forfettaria per le spese di viaggio che varia in base alla distanza tra la tua residenza e la sede della scuola di lingue dove si svolge il corso, secondo la tabella riportata sotto:

UCS37 – Spese di viaggio

10-99 km / 20 €
100-499 km / 180 €
500-1999 km / 275 €
2000-2999 km / 360 €
3000-3999 km / 530 €
4000-7999 km / 820 €
oltre 8000 km / 1.500 €

4. Posso scegliere il tipo di sistemazione (in famiglia o ostello della gioventù)? Posso cambiare se non mi trovo bene?

La scelta del tipo di sistemazione dipende dalla disponibilità presente al momento di avvio del corso di lingue. In ogni caso, la scuola di lingue cercherà di soddisfare per quanto possibile le esigenze del singolo allievo, anche in caso di problemi che sorgano successivamente all’arrivo.

5. Posso sospendere e/o interrompere il corso di lingue quando voglio? Se sì a quali condizioni?

Il corso di lingue può essere interrotto solo per giusta causa, ovvero in caso di comprovata malattia o di avvenuto inserimento lavorativo. Tutte le condizioni e le conseguenze di una eventuale sospensione o interruzione del corso sono regolamentate tramite “Patto di servizio”, che viene sottoscritto dal partecipante con ENAIP FVG prima della partenza verso il paese di destinazione.

6. Cosa succede se a conclusione del percorso non passo l’esame finale di valutazione e non raggiungo il livello obiettivo di padronanza della lingua del corso?

Nessuna conseguenza per l’allievo.

7. Se non è possibile sostenere l’esame previsto di certificazione in loco, direttamente a conclusione del mese di permanenza nella scuola di lingue all’estero, posso sostenere l’esame di certificazione nel Friuli Venezia Giulia?

In accordo ed insieme alla scuola di lingua, gli operatori dell’ENAIP FVG verifica, caso per caso, se ci sono le condizioni per svolgere l’esame di certificazione al rientro presso un ente certificatore con sede nel Friuli Venezia Giulia.

8. I contributi sono soggetti a riduzione in base alla situazione economica famigliare (certificato ISEE) del partecipante? Se sì, in che modo?

Sì, il costo del corso di lingue e della permanenza nel paese di destinazione può essere soggetto a diminuzione in base alla dichiarazione ISEE come da tabella seguente:

ISEE IN EURO / Quota di compartecipazione dello studente alle spese (diminuzione % del valore del voucher)
Da 23.000,01 a 40.000 / 10%
Da a 40.001 a 60.000,00 / 20%
Da a 60.001 a 90.000,00 / 30%
Oltre 90.000,00 / 40%

Master

LINEA 3

1. La data di avvio del master deve essere successiva al momento della presentazione della domanda di contributo?

Il master per il quale si richiede il contributo può essere anche già stato avviato ma non essere ancora concluso. Quindi si può presentare domanda di contributo sia per master in avvio che per quelli già in fase di realizzazione.

2. Quali sono i criteri che il "master" deve rispettare affinché il richiedente possa usufruire del contributo?

Innanzitutto, deve essere un master erogato da una Università, pubblica o privata, riconosciuta dal sistema dell’istruzione superiore del paese di destinazione. Deve poi essere un master “post laurea” e non un corso di laurea equiparabile al nostro corso di laurea specialistico. La durata massima del master è di due anni. Infine, la percentuale delle ore di lezione in presenza, presso la sede dell’Università straniera, sul totale del monte ore di lezioni non deve essere inferiore al 50%.

3. Quali sono i paesi europei in cui poter fare un master sostenuto dal contributo del progetto?

L’Università straniera deve avere sede in uno degli stati membro dell’Unione Europea, ai quali si aggiungono i paesi EUSALP (UE per la Regione Alpina) e EUSAIR (UE per la Regione dell’Adriatico e dello Ionico).

4. Come si dimostra la frequenza regolare al master in caso di erogazione del contributo a rate?

Per l’ottenimento del contributo è sufficiente dimostrare di aver pagato l’iscrizione al master, in una o più rate.

5. I contributi sono soggetti a riduzione in base alla situazione economica famigliare (certificato ISEE) del partecipante? Se sì, in che modo?

Sì, il contributo alla partecipazione al master può essere soggetto a diminuzione in base alla dichiarazione ISEE come da tabella seguente:

ISEE IN EURO / Quota di compartecipazione dello studente alle spese (diminuzione % del valore del voucher)
Da 23.000,01 a 40.000 / 10%
Da a 40.001 a 60.000,00 / 20%
Da a 60.001 a 90.000,00 / 30%
Oltre 90.000,00 / 40%

6. Se ho conseguito un Dottorato di ricerca da non più di 36 mesi posso richiedere il contributo alla partecipazione ad un master all’estero?

Sì, è consentito anche a chi ha conseguito il titolo di PhD da non più di 36 mesi.

VISITE DI ORIENTAMENTO E/O SCOPERTA ECONOMICA IN AZIENDE (EUROPEE E DEL FVG)

LINEA 4

1. Alle visite di studio GO+Learn è possibile iscriversi individualmente?

No, le iscrizioni individuali non sono previste per ora. L’utilizzo delle visite è riservato ad istituzioni che vogliono integrare con queste visite i propri percorsi formativi o di orientamento di studi e professionale (università, scuole, enti di formazione professionale, ecc..).

2. Esiste un catalogo/calendario delle visite che i soggetti autorizzati a richiederle possono consultare?

Sul sito www.goandlearn.eu sono pubblicate le descrizioni di tutte le visite di studio attive sia nel catalogo regionale FVG sia in quelli delle altre regioni italiane ed europee attualmente aderenti alla rete. Non viene pubblicato un calendario delle edizioni in quanto queste vengono attivate su domanda dell’ente interessato e concordato con le imprese di volta in volta.

3. Sono un disoccupato: posso partecipare alle visite in azienda?

Sì, purché sia iscritto ad un corso di formazione o ad un percorso di orientamento presso soggetti che includono le visite all’interno dei propri percorsi formativi/orientativi.

4. Sono uno studente: posso partecipare solo alle visite organizzate dalla mia scuola o posso partecipare anche a quelle organizzate da altri soggetti abilitati?

Puoi partecipare solamente alle visite eventualmente organizzate da soggetti presso i quali sei iscritto a dei corsi di formazione o percorsi di orientamento.

5. Sono un lavoratore/professionista/imprenditore: come faccio a partecipare alle visite in azienda?

Puoi rivolgerti ad una Associazione di categoria, alla Camera di Commercio o ad un Ente di formazione professionale verificando se nelle loro proposte formative sono incluse attività di questo tipo accessibili a persone occupate/professionisti o imprenditori.

6. Possono partecipare tutti a prescindere dall’età e dalla condizione occupazionale?

I vincoli relativi all’età sono quelli previsti dal corso che include al suo interno le visite Go+Learn.

7. I partecipanti a visite Go+Learn in regione o fuori regione devono sostenere dei costi?

Il progetto non prevede la copertura dei costi organizzativi delle visite GO+Learn ma solamente l’organizzazione del catalogo. I costi per realizzare le attività sono quindi sostenuti dall’istituzione che organizza i percorsi. È quindi possibile che, in funzione del tipo di percorso cui le visite sono associate, chi organizza le visite preveda dei costi (ad esempio il trasferimento presso l’impresa ospite) a carico dei partecipanti.